yoga in Thailandia

I Mantra e la meditazione

Nel mondo dello Yoga e della meditazione incontriamo soventemente la parola Mantra. Ci si ritrova a cantarli o recitarli a lezione. Ma per chi è nuovo in questo ambito, può rimanere perplesso.

Lo sono stata anche io, lo ammetto. Specialmente all’inizio, provavo un grande imbarazzo nell’espormi, o meglio, nel pronunciarmi. Il sanscrito è una di quelle lingue che non si studia né al liceo né all’università ed inizialmente può sembrare poco orecchiabile e complesso.

I Mantra, secondo la tradizione buddista e induista, sono parole o suoni che quando vengono ripetuti, aiutano la concentrazione in meditazione. Alcuni di questi hanno un significato letterale e possono essere tradotti, ma la maggior parte di loro deriva il proprio valore principalmente dalla qualità del suono.

Il più conosciuto è sicuramente OM, scritto anche AUM. Questa parola non ha una traduzione, è il suono primordiale, quello da cui nascono tutte le cose in natura. È il Mantra più potente ed è portatore di infiniti significati. OM rappresenta tutto, l’inizio, la metà e la fine, il passato e anche il futuro.

La A di AUM è associata a Brahma, il creatore. Il suono ha origine nel suo ombelico e vibrante sale fino al petto. Poi si stabilizza e porta con se tutte le energie del mondo nella lettera U, associata al dio Vishnu, il conservatore. Entra poi in gioco Shiva con la M, il suono di chiusura. Egli è il distruttore, ma anche la forza culminante. L’AUM viene sempre, o quasi, cantato all’inizio e alla fine di ogni pratica Yoga. Risuonando con te ti potrà dare molteplici benefici, portando pace alla mente, al corpo e allo spirito.

Il suono è vibrazione. Tutte le cellule del corpo vibrano, tutto nell’universo è vibrante e ogni cosa segue un proprio ritmo. I pensieri e i sentimenti sono a tutti gli effetti le vibrazioni del tuo corpo e della tua coscienza. I modelli sonori, quindi, influenzano anche l’acqua presente nel corpo, la secrezione degli ormoni, la cognizioni, il comportamento e il benessere psicologico. Questo permette al corpo e alla mente di essere in qualche modo trasformato anche solo temporaneamente.

Lungo il cammino dello Yoga, incontriamo altri Mantra dedicati a divinità, per l’allineamento dei Chakra o per la semplice armonizzazione del sé. Mantra di guarigione e Mantra sull’amore.

I Mantra più noti sono:

OM MANI PADME HUM, dalle origini tibetane viene cantato dai Monaci buddisti. È un Mantra per la compassione, dedicato al fiore di Loto e alla crescita spirituale.

OM NAMAH SHIVAYA, dedicato a Shiva, è considerato uno dei Mantra più potenti.

LOKA SAMASTHA SUKHINO BHAVANTU, un Mantra che è un augurio per tutti gli esseri viventi, che possano essere felici e vivere in armonia.

Ci sono poi Mantra di apertura specifici per le varie tipologie di Yoga.

Ashtanga:

VANDE GURUNAM CARANARAVINDE
SANDARSITA SVATMA SUKHAVA BODHE
NIH SREYASE JANGALIKAYAMANE
SAMSARA HALAHALA M0HASANTYAI
ABAHU PURUSAKARAM
SANKHACAKRASI DHARINAM
SAHASRA SIRASAM SVETAM
PRANAMAMI PATANJALIM
OM

Un Mantra dedicato a Patanjali, il filosofo indiano considerato uno dei padri dello yoga, autore del testo Yoga Sutra, dove spiega come con il controllo di sé e con la padronanza della mente e della sua attività si possa arrivare all’intima unione con la divinità interiore.

Anusara:

OM NAMAH SHIVAYA GURAVE
SACCIDANANDA MURTAYE
NISPRAPANCAYA SHANTAYA
NIRALAMBAYA TEJASE
OM

Un Mantra recitato per riconoscere il Divino che è dentro ognuno di noi.

Macrolibrarsi

Nelle mie classi speciali, che propongo regolarmente a Chiang Mai, inserisco i Bija Mantra (LAM, VAM, RAM, YAM, HAM e OM ). Bija significa “seme” e sono dei Mantra monosillabi che si utilizzano per pulire e riequilibrare i Chakra, accostati a vari Mudra ed esercizi.

I canti sono strettamente connessi al mondo buddista e il loro principale obiettivo è quello di ottenere la liberazione dalle sofferenze. Recitati sempre con una giusta attitudine, racchiudono enormi poteri, così come le preghiere cantate dai Monaci. Qui in Thailandia, durante i rituali sacri, capita di sentire ore e ore di cantilene. La preghiera è un mezzo semplice per connettersi con la propria spiritualità.

Vi aspetto nel Paese dei Sorrisi!
OM SHANTI SHANTI SHANTI

Paolina

Nel prossimo articolo vedremo come si recitano i Mantra e lo strumento utilizzato per farlo.

8 opiniones en “I Mantra e la meditazione”

I mantra: parole e suoni durante lo yoga in Thailandia –

[…] Qui trovi maggiori informazioni legate all’argomento. […]

Il Mala e il numero 108 – Yoga in Thailandia

[…] possono essere cantati velocemente o più profondamente. Quando lavoro sui Chakra, riprendendo i Bija Mantra, mi piace recitarli uno ad uno e in maniera lenta, come per entrare in uno stato meditativo. Ma […]

Thailandia, simbologia e poteri racchiusi – Yoga in Thailandia

[…] I Mantra, ovvero le vibrazione sonore che vengono recitate in sanscrito nel mondo dello Yoga, sono gli stessi rappresentati negli Yant, che sono simboli mistici, formati da lettere (Mantra) o frasi (Khata), disegni geometrici con significati esoterici e altre figure, di animali, di rappresentazioni mitologiche, oppure personaggi come gli antichi Maestri o Siddhartha Gautama. La lingua usata nella composizione degli Yant è il sanscrito che, risalente ai testi veda indiani, è una delle lingue più antiche al mondo. […]

Oltre lo Yoga, spiritualità e incensi – Yoga in Thailandia

[…] è un filo di fumo che unisce la terra al cielo», bruciato durante la recitazione dei Mantra, sempre in numero dispari, al tempio come offerta a Budda, agli spiriti e per i nostri morti. […]

Il “Saluto al Sole” (Prima parte) – Yoga in Thailandia

[…] Una breve spiegazione delle dodici posizioni che compongono un round del Surya Namaskar e i relativi Mantra. […]

Il “Saluto al Sole” (Seconda parte) – Yoga in Thailandia

[…] Bija Mantra sono sei in totale e devono essere ripetuti quattro volte in un round completo del “Saluto al […]

La “Ruota della vita” – Yoga in Thailandia

[…] un momento specifico della vita di Budda: il suo sermone conosciuto con il nome di Benares. Il mantra, la formula che viene ripetuta molte volte come pratica meditativa, che accostiamo al mudra […]

Yoga Retreat a Chiang Mai – 28 marzo / 3 aprile 2020 – Yoga in Thailandia

[…] questo Yoga Retreat sono inclusi due workshop: “Il suono dei Chakra”, ovvero i Bija Mantra, come utilizzarli e recitarli accostandoli ai Mudra e alla pratica Yoga e “Yoga Nidra”, che non […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *