Yoga in thailandia

Il Chakra della Gola

Il chakra della gola risuona con le lotte emotive e mentali, incentrate sulla natura della scelta e sul fatto di avere la forza di volontà di vocalizzare tutto ciò che si desidera nella propria vita.

Poiché la scelta o la mancanza di scelta è coinvolta in ogni dettaglio della nostra vita, può anche essere fatta risalire a quasi tutte le malattie.

Dimentichiamo di avere una scelta per dire che vogliamo un cambiamento, o che siamo infelici e quindi soffriamo in silenzio, forse per rendere felici gli altri. Forse perché ci sentiamo obbligati ad apparire buoni e rispettosi. O forse perché sentiamo di non avere scelta. Ma in realtà, ce l’abbiamo!

Si può essere portati a credere che ci siano numerosi fattori in gioco che hanno autorità sulla nostra vita e che quindi fanno pressione sull’individuo affinché rimanga in silenzio e non comunichi chi è realmente e cosa vuole. Vishudda è tutta una questione di progresso attraverso la maturazione della volontà e di ricordare che solo tu hai autorità su te stesso.

Il chakra della gola è anche collegato al sapersi lasciar andare e fluire con il piano divino, alla fiducia che il modo in cui esprimi la tua vita con la massima autenticità faccia parte di questo piano. Si tratta di comunicare con “Dio” o con quel potere mistico e di avere fede che tutto è collegato attraverso il karma spirituale.

La paura primaria del chakra della gola è la sensazione di non avere alcuna autorità o potere di scelta nella nostra vita. Molti di noi sono portati a credere di non essere i leader del proprio destino e che dobbiamo soccombere alle pressioni della società, vocalizzando ciò che “dovremmo e non dovremmo fare”.

Coloro che hanno uno squilibrio nel quinto chakra, lottano con il malessere della gola o dell’apparato respiratorio come la laringite, la tonsillite o il comune raffreddore perché non danno voce al loro autentico sé.

Una carenza di questa energia può far sì che una persona diventi timida, abbia paura di parlare e comunicare i propri desideri e bisogni. Un Vishudda iperattivo può portare a una persona l’arroganza, la natura pettegola, l’eccessivo parlare e/o lamentarsi e persino l’incapacità di ascoltare gli altri, che è anche un atto di comunicazione.

L’energia del chakra della gola è la consapevolezza del potere personale e la consapevolezza che nessuno, a parte te stesso, ha potere su di te e sulle scelte che fai. Tuttavia è limitata all’esperienza umana e spesso ci chiediamo se un’altra forza più grande abbia potere su di noi e ci chiediamo “perché sta succedendo questo?” e “qual è il mio scopo?” ed è qui che il Vishudda comincia a connettersi con il Terzo occhio.

Vishudda inizia a comprendere il potere della fede, avendo fede in noi stessi e in un’esistenza superiore e sapendo che, pur avendo il potere di fare le proprie scelte, siamo anche guidati da una forza esistenziale che ci apre porte e porte di accesso a potenziali sentieri e sta a noi decidere quale porta scegliere di attraversare.

In relazione all’energia del chakra del Cuore, Vishudda esprime amore in cose che si fanno e non si dicono. A volte nascondere il giudizio e le opinioni negative di un altro e di se stessi è uno dei più grandi atti d’amore. Simbolicamente il chakra della gola risuona con la confessione e il perdono, l’atto di confessare un errore e dire ad alta voce “Ti perdono” è spesso estremamente liberatorio e un processo di guarigione, poiché permette di eliminare qualsiasi colpa o dolore attraverso il chakra della radice e quindi permette all’individuo di esprimere, dare e ricevere amore apertamente.

Paolina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *